Il cieco di Gerico

 

Performance: Apertura Biennale di Venezia 2003
video:Italy, 2003, colours, 11’42”  ed 3 + 2ap
videostill STREAP, 2003 ed. 7 + 1
Photos from monitor: series of 9, ed 3 + 1pda
Il lavoro è una denuncia sottile e ironica delle ipocrisie e degli stereotipi che si innescano a volte inconsapevolmente e che rendono le persone incapaci di ‘vedere’. Le mostre d’Arte sono visitate ma spesso non sono ‘viste’. Invece di vedere si va a farsi vedere.
La performance e il video sono una ironica e paradossale ‘messa a fuoco’ di meccanismi personali e sociali invisibili resi visibili attraverso l’uso del corpo e la sua metafora visiva.
La scelta, inoltre, è quella di agire con la performance in contesti di vita reale. In questo modo anche le persone e le loro reazioni diventano parte integrante del lavoro stesso, in uno scivolamento sottile e divertito del confine tra realtà e finzione, fra vita e arte.
  • Il Cieco di Gerico (the Blind man of Jericho), 2003, videostill from performance on plexiglass, cm.40x50, ed. 3

  • The Jericho glasses, 2003, original glasses used in the performance, plaster on sunglasses, ed unique

I Love To See the Armory

 

Performance: The Armory Show, New York City 2006
video: 2006, Usa, colours, 12’21”  ed 3 + 2ap
videostill STREAP, 2006 ed. 7 + 1ap
La stessa performance è stata fatta sia alla Biennale di Venezia che all’Armory Show a New York, ma sia per il diverso contesto sia per il diverso continente, le reazioni delle persone e così anche i video sono parecchio differenti e la videoinstallazione simultanea apre a interessanti riflessioni antropologiche e sociologiche. Le reazioni all’Armory show sono state più divertite, accentuando il lato paradossale e ironico della performance, mentre alla Biennale di Venezia le reazioni erano di interesse più meditativo e concettuale.
La performance richiede una estrema concentrazione sia fisica che mentale per riuscire a camminare senza vedere, ma come se si stesse vedendo. Non è quello che succede anche nella vita?

Jericho in Bremen

Nel 2011 la Künstlerinnenverband Bremen / GEDOK organizzò un Festival di Performance che mise assieme performers internazionali nella città di Brema. Il festival si svolse all’interno della Bremer Kunstfrühling, organizzato dal BBK (Bundesverband Bildender Künstler) in un ex terminal merci.

 

Dal 5 maggio al 6 giugno ogni weekend si tenne una performance dal vivo: gli invitati furono Jessica Findley di Brooklyn, New York, l’austriaco Marc Aschenbrenner, Nezekat Ekici di origine turca, Marcia Farquhar dalla Gran Bretagna e l’italiana LIUBA. Gli artisti di Brema furono Kerstin Drobek, Elianna Renner e Gertrud Schleising.

 

Il programma del festival del Künstlerinnenverband mise in mostra aspetti delle performance contemporanee che possiamo trovare nel contesto internazionale – riferimenti fisici, sociali, politici, approcci teatrali ed interattivi.

 

LIUBA mise in scena la propria performance alla stazione di Brema, scendendo dal treno e camminando nel centro della città in direzione del Bremer Kunstfrühling show, per “vedere” l’esibizione. Uno sviluppo del precedente progetto Il cieco di Gerico, declinato in chiave cittadina. Le reazioni delle persone, l’interattività, l’arte nella vita quotidiana, i simbolismi e le idee sono le basi di questo lavoro.

 

 

Jericho in Bremen, series of 4 pictures from live performance, inkjet on baryta paper, variable size, ed. 3 + 1ap

Jericho in Bremen, series of 4 pictures from live performance, inkjet on baryta paper, variable size, ed. 3+ 1pda -photos: Mario Duchesneau

Tiresia Marittima

 

 

Performance: Cupra Marittima, centro cittadino (AP), 2017
Video: Italy, 2018, colours, 10’10”  ed 7 + 2ap
Installazione: 30 vecchi occhiali, stucco bianco, commenti scritti a mano dai partecipanti della performance

 

 

 

 

Nel 2017 la Galleria Marconi di Cupra Marittima ha ospitato la mostra personale di LIUBA “Guardando Oltre” – all’opening della quale è stata realizzata la performance partecipativa Tiresia Marittima.

Il titolo della lavoro cita esplicitamente il famoso indovino cieco Tiresia – colui che non vede, ma sa – rifacendosi anche al luogo in cui la performance partecipata si è svolta, Cupra Marittima. 

In occasione della performance, infatti, il pubblico è stato invitato ad uscire dagli spazi della galleria e a percorrere le vie della città con gli occhi coperti da un paio di occhiali bianchi e coperti di stucco – realizzati a mano da LIUBA per oscurare la vista. I partecipanti hanno esplorato la città percorrendone strade, piazze e percorsi senza fidarsi dei loro occhi, ma trovando una nuova modalità di conoscenza ed esplorazione tramite il tatto, l’udito e la memoria dei gesti del loro corpo. 

 

Alla fine della performance, a ciascuno dei partecipanti è stato assegnato un attestato di partecipazione, accompagnato dalla richiesta di lasciare un commento sull’esperienza vissuta durante la performance. I commenti sono stati in seguito raccolti da LIUBA a costituire un’installazione ospitata dalla Galleria Marconi per la durata della mostra.

 

Ad un anno della performance, e seguendo la modalità di lavoro per lei tipica, LIUBA ha realizzato l’omonimo video Tiresia Marittima, partendo ed elaborando più di mille foto scattate in occasione della performance da Catia Panciera, montate insieme a frammenti dei commenti scritti a mano dai partecipanti stessi e facenti parte dell’installazione.

 

 

Creato elaborando le fotografie dell’omonima performance partecipativa realizzata nel 2017,Tiresia Marittima  evoca già dal titolo il famoso indovino cieco Tiresia – colui che non vede, ma sa – e il luogo in cui la performance si è svolta, Cupra Marittima.

Ad un anno della performance, e seguendo la modalità di lavoro per lei tipica, LIUBA ha realizzato l’omonimo video Tiresia Marittima, partendo ed elaborando più di mille foto scattate in occasione della performance da Catia Panciera, montate insieme a frammenti dei commenti scritti a mano dai partecipanti stessi e facenti parte dell’installazione.

 

 

 

 

 

 

 

Roberta Rossi – Assessore all’Ambiente di Cupra Marittima – ha condiviso in un testo la sua esperienza come partecipante alla performance TIRESIA MARITTIMA:

 

…Indossare degli occhiali totalmente oscurati muovendoci per il nostro paese, Cupra, è stato un invito da parte dell’artista a prendere coscienza della nostra cecità. Mi sento normalmente più a mio agio con la scienza perchè essa rassicura, mentre l’arte sorprende , talvolta destabilizza! In questo caso mi sono lasciata andare all’interno della performance con la voglia consapevole di emozionarmi, mettendo da parte l’eventuale giudizio altrui.Un’esperienza unica, per la quale ringrazio tantissimo Liuba, ho vissuto il mio paese in una realtà diversa, riscoprendo gli altri sensi al di là della vista, ma  soprattutto, ne è derivato un messaggio, il messaggio che solo la consapevolezza di non vedere, il renderci conto di essere ciechi ci sprona a  ricercare, ad indagare per poter finalmente vedere (cioè vedere un po’ più in là del nostro naso).

 

LEGGI TUTTO

 

Sign up to my newsletter to get the latest updates!

SIGN UP

Say Hello.

liubanet@gmail.com

For video works:

Visualcontainer

Via Volturno 41, 20124 Milano – Italy

info@visualcontainer.org
www.visualcontainer.org

For art works:

Placentia Arte – Studio Baldini

Via G.B. Scalabrini 116, Piacenza, Italy

info@placentiaarte.it
www.studiobaldini.info
www.placentiaarte.it/artisti