3. Idea da mettere in pratica subito

Premesso che è un periodo interiormente e fisicamente difficile, ancora una volta decido che è meglio mettersi all’opera con l’arte che rimuginare su tutti i fantasmi che vagano nella mia testa.
Ed ecco che d’amblè decido che farò una nuova performance alla Fiera di Torino. Artissima è tra nemmeno 10 giorni, e le sfide in velocità mi divertono (o mettiamola così, mi riesce spesso più facile fare tutto all’ultimo che quando organizzo una cosa per anni, come il progetto della performance in Vaticano…).

Beh, l’idea non è nata adesso, mi era baluginata un paio di anni fa, quando l’avevo immaginata chiaramente come una visione, poi però non la sentivo ancora matura e non ero pronta per farla.
Adesso improvvisamente questa idea è ricomparsa e rinata, ed è l’esatta espressione di ciò che vorrei dire in questo momento col mio lavoro. E’ l’esatta espressione di ciò che sto vivendo, e allora la farò. Subito. E quale occasione migliore che farla all’opening di Artissima, secondo la mia abitudine di fare azioni a sorpresa?
Ma naturalmente, essendo una sorpresa, non vi dirò un acca. Niente di niente. Se volete tenetevi la curiosità.

2. Metodo e backstage

Oggi stavo pensando: ma imposto il blog per raccontarvi i fatti e le cose che succedono? o per svelare i risvolti che non si vedono, compresi quelli interiori? Mi piace l’idea che sto scrivendo a voi, e non sto scrivendo per me, e non voglio sbrodolarvi sentimenti sensazioni malesseri e benesseri auto terapici che a volte scrivo nei miei diari saltuari. Però mi sembra che anche limitarsi a una simpatica radiocronaca di ciò che succede sia un po’ pochino…

Per cui mi sa che farò un mix di fatti esterni e di fatti interni. Quasi tutti noi guardiamo quello che gli altri fanno e ci sembra che per loro sia tutto facile, che non stiano mai male, che le menate come c’abbiamo noi non le ha nessuno…poi invece basta scostare la coperta che sotto il lenzuolino si trova più o meno per tutti lo stesso corpo scricchiolante…

per cui vi racconterò le cose, ma credo che vi racconterò anche la fatica, e la rabbia,o la gioia, o l’insicurezza, o insomma tutta la mia imperfetta individualità che sta dietro alle cose che faccio e che cerco di fare.
Già da un po’ questa cosa mi interessa…mi viene in mente quando avevo esposto a Parigi il video tratto dalla mia performance ‘Les Amantes’: per quell’occasione avevo montato ed esposto vicino,a dittico, il video del back stage, dove siamo io,  un amico fotografo e l’assistente del gallerista in giro per le strade di Parigi a cercare l’uomo ‘black’ che mi serviva per la performance…(e che nelle strade abbiamo poi trovato, Achille)…ne sono successe di tutti i colori ed io ero tutta scarruffata (prova tu a cercare chi andava bene per la performance, che neppure il gallerista era riuscito a trovarlo dopo mesi di ricerca…!)

Liuba e Achille in ‘Les Amantes, Parigi 2005 – foto da performance


guarda il video: Paris backstage

guarda il progetto Les Amantes sul sito

1. Rieccoci!

Ciao a tutti
dopo il diario New York, apparso ‘a puntate’ sul web intanto che succedeva e seguito quasi come una telenovela (anche perché un po’ lo era!) da una numerosa serie di persone, dopo alcuni anni di silenzio ho deciso di ritornare a raccontarmi e a raccontare i retroscena della vita, normale, di un’artista, e questa volta lo faccio da un blog. certo non so ancora quando e quando pubblicherò, se e cosa vi racconterò, quanto durerà, come si evolverà, ma ora sono qui e comincio con gioia e con emozione. Tra l’altro ora sono a Milano ma in procinto di muovermi ancora verso New York e il Canada, anche se tutto è definito e indefinito al tempo stesso, ed io ho voglia di andare e pigrizia di rimanere al tempo stesso, e voglia di prendere tutto con calma…ma ancora una volta so che ha senso cambiare aria e rimettere in discussione tante piccole certezze acquisite…

Perché sento il desiderio di condividere parti di ciò che mi accade con voi? Perché è come se ci fossero due torrenti che mi attraversano, quello della vita normale, con tutte le sacrosante esigenze di stabilità, rapporti, lavori, bollette, paure, silenzi, soddisfazioni e poi c’è una parte inquieta che si meraviglia di tutto e cerca il colore delle cose, e soffre nel grigio quotidiano e nella morsa dell’ingranaggio, e questo secondo torrente fluisce impetuoso e si mischia con l’altra acqua più quieta. E lì nasce l’arte, nasce il mio desiderio di molto viaggiare, e nasce il conflitto e il rischio, e la paura e la gioia.
Desidero raccontarmi perché so che questi torrenti sono in molti di noi, e mi piace pensare che condividere l’attraversare di queste acque possa creare sinergia, complicità, sollievo e ironia.

per leggere il diario new york clicca qui